L’economia tedesca annega nelle alluvioni

alluvione-germania-tuttacronaca

Le alluvioni sconvolgono la vita delle persone, le fanno sentire precarie e quella che ha investito nelle ultime ore la Germania non è diversa dalle altre. Anche il motore d’Europa ha dovuto piegarsi alle intemperie ed è preoccupato dell’economia. Le fabbriche sono chiusi e i negozi con le serrande abbassate, nelle strade c’è solo acqua alta e fango e città sono spettri di se stesse. Quasi un apocalisse che ha travolto anche lo stabilimento della Volkswagen di Zwickau, oggi nessuna auto verrà prodotta e per la prima volta gli operai del primo turno non sono arrivati in fabbrica, non sono riusciti a superare il muro d’acqua che li divideva dal luogo di lavoro. Impossibile portare i rifornimenti, ma il portavoce dell’azienda spera di far ripartire la produzione durante la notte. In questo stabilimento, dove lavorano circa 8000 persone, si producono Golf e Passat.

Fermi  anche i cantieri perché come ha riferito presidente dell’associazione dell’industria  edile tedesca “nelle zone colpite dall’alluvione le fondamenta degli edifici sono allagate”. Il turismo immediatamente ne ha risentito, chi era in vacanza nelle zone colpite ha chiesto di far ritorno o si è barricato in hotel, gli altri hanno annullato le partenze.

Ma le case danneggiate chi le ripagherà? Solo il 30%  dei proprietari è assicurato per l’alluvione, chi ha un’assicurazione base rischia di non aver riconosciuti i danni. Chi invece sicuramente sarà risarcito sono quei cittadini che vivono in alcune città della ex DDR dove tutte le abitazioni erano assicurate.

Passau è una delle città più colpite dalle alluvioni: infatti si trova sulla confluenza tra tre fiumi. Nella giornata di ieri il livello dell’acqua è arrivato a superare i 12, 5 metri, cosa che non succedeva da più di 500 anni. Iniziano a registrarsi i primi problemi con l’acqua potabile. In Turingia,  a Gera e Greiz fino ad ora sono state portate in salvo circa 2.000 persone. Nel sud della Turingia centinaia di persone hanno dovuto abbandonare la propria abitazione e presto vi saranno altre evacuazioni. Meno drammatica è la situazione del Nordrhein Westfalel, Hessen e  Mainz.

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: