Presa a cinghiate in piazza!

ragazza-senegalese-presa-a-cinghiate-forio-ischia-napoli-tuttacronaca

Una giovane senegalese è stata presa a cinghiate e lasciata in una pozza di sangue sul ciglio della strada in centro a Forio, Ischia. L’uomo, un connazionale della giovane, dopo l’aggressione si è dato alla fuga. L’ennesimo atto di violenza contro le donne, l’ennesimo atto vergognoso di uomini fragili che sanno condannare  solo con la forza bruta. Le forze dell’ordine lo hanno cercato per ore, ma poi la caccia a l’uomo è stata abbandonata perché la donna non ha mostrato nessuna volontà di denunciare il proprio aggressore, probabilmente un componente della sua famiglia. I testimoni hanno parlato di «Una scena davvero vergognosa, quella alla quale abbiamo assistito, con quest’uomo che senza alcuna remora continuava a fustigare la sua vittima, incurante delle grida di dolore». La ragazza è stata immediatamente portata all’ospedale Rizzoli dove è stato riscontrato un forte trauma cranico e uno all’addome, oltre a numerose ecchimosi e ferite al volto, e copiose fuoriuscite di sangue dal naso e dall’orecchio destro.  Contrariamente alle indicazioni dei sanitari dell’ospedale isolano, che avrebbero voluto tenerla sotto monitoraggio per almeno 48 ore – la giovane anche se in stato confusionale ha invece insistito per farsi dimettere subito dall’ospedale e fare rientro in quella stessa casa. L’integrazione è un processo complesso, che parte proprio dall’educazione alla denuncia della violenza subita, per questo in Italia è aperto un dibattito… questi atti deplorevoli accadono ora fra connazionali, una volta dato lo ius soli quanti uomini si sentiranno ancor più in diritto, per fragilità, ignoranza, cultura, brutalità di imporre le loro “leggi barbariche” anche alle donne italiane? Questi gesti ci devono portare a riflettere che forse prima di concedere diritti dobbiamo assicurarci che chi diventa italiano comprenda perfettamente i nuovi comportamenti etici e morali che la cittadinanza comporta e che conosce perfettamente le leggi che vigono in Italia e le rispetti, altrimenti avremo solo un aumento di violenza… La cittadinanza è un diritto che prima di tutto comporta dei doveri!

A dare immediatamente l’allarme ai carabinieri della vicina stazione sono stati alcuni passanti e turisti che hanno assistito alla scena di inaudita violenza. «Una scena davvero vergognosa, quella alla quale abbiamo assistito, con quest’uomo che senza alcuna remora continuava a fustigare la sua vittima, incurante delle grida di dolore», hanno poi raccontato i testimoni ai carabinieri nel fornire l’identikit dell’uomo. Trasportata d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Rizzoli, alla vittima dell’aggressione sono stati riscontrati un forte trauma cranico e uno all’addome, oltre a numerose ecchimosi e ferite al volto, e copiose fuoriuscite di sangue dal naso e dall’orecchio destro.

Contrariamente alle indicazioni dei sanitari dell’ospedale isolano, che avrebbero voluto tenerla sotto monitoraggio per almeno 48 ore – la giovane anche se in stato confusionale ha invece insistito per farsi dimettere subito dall’ospedale e fare rientro in quella stessa casa, dove presumibilmente si era rifugiato nel frattempo il suo aggressore.
Del quale la donna non ha voluto fornire le generalità, rifiutandosi anche di sporgere querela di parte per le lesioni riportate. Ignote anche le cause dell’aggressione maturata in ambito familiare. Anche su questo lagiovane si è rifiutata di rispondere, togliendo ai carabinieri ogni possibilità di ulteriori interventi.

Lascia un commento

10 commenti

  1. Bruttissima notizie , anzi che dico disumana . Le persone hanno visto , ma non sono intervenute per fermare questa orrendo evento .

    Rispondi
  2. Vergognoso! E lasciare che tutta la risoluzione sia messa sulle spalle di questa donna impaurita , non mi sembra giusto. Sappiamo benissimo tutti che al sicuro , protetti dalle proprie mura di casa si perpetrano abusi di ogni genere e solo il coraggio e la consapevolezza delle vittime possono portare ad una punizione. Ma quando un fatto del genere succede in una piazza dovrebbero essere anche i testimoni involontari di tanta barbarie a poter puntare il dito contro un animale del genere . Almeno questo …… e ripeto almeno!

    Rispondi
    • Sarebbe davvero il minimo, non ci sono parole per commentare una simile violenza perpetrata in luogo pubblico sotto gli occhi di testimoni che non sono intervenuti. Impossibile poi capire cosa scatti nella testa di queste donne che subiscono ed accettano come fosse una “legge”.

      Rispondi
  3. Pasquale Autiero

     /  Mag 9, 2013

    E’ allicinante che nessuno sia minimamente intervenuto. Capisco i timori, ma fino ad un certo punto.
    Allo stesso tempo ritengo che ci sia bisogno di una legge molto severa che abbia il potere di espellere questa gente dal ns Paese, o si offrono all’integrazione o se ne vadano via, perchè se qui c’è una cosa della quale non abbiamo proprio bisogno, è questo tipo di cattivi esempi.

    Rispondi
    • Pienamente d’accordo su entrambi i punti, incredibile che ci si possa fermare ad osservare senza intervenire, così come è assurdo che non riusciamo, a nostra volta, tutelarci da simili persone.

      Rispondi
  4. A cosa serve intervenire,forse per salvarla da qualche cinghiata,ma,non cambiera’ mai nulla nel cervello di quell’uomo,fanno venire le loro donne in Italia per vivere nel nostro paese a loro modo,perche’solo nel loro modo sanno vivere ,e,non proprio nel modo Italiano,perche’ loro sono molto piu’ indietro,anche se in tasca hanno il cellulare……

    Rispondi
    • E’ difficile limitarsi ad osservare una simile scena e poi pensare di essere in qualche modo “migliori”: la violenza è sempre un fatto negativo e in quanto tale andrebbe fermata quando se ne ha la possibilità. Dovrebbe essere naturale vedere una vita in pericolo e sentire la necessità d’intervenire.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Newwhitebear's Blog

Poesie e racconti: i colori della fantasia

RunningWithEllen's Blog

Two sides of God (dog)

Que Onda?

Mexico and beyond

Just a Smidgen

..a lifestyle blog filled with recipes, photography, poems, and DIY

Silvanascricci's Weblog

NON SONO ACIDA, SONO DIVERSAMENTE IRONICA. E SPARGO INSINCERE LACRIME SU TUTTO QUELLO CHE NON TORNA PIU'

Greenhorn Photos

A fantastic photo site

mysuccessisyoursuccess

Just another WordPress.com site

The Spots Hunter

Saves the right places

blueaction666

Niente che ti possa interessare.....

rfljenksy - Practicing Simplicity

Legendary Wining and Dining World Tour.

metropolisurbe

Just another WordPress.com site

Real Life Monsters

Serial killers and true crime

"ladivinafamiglia"

"Solo quando amiamo, siamo vivi"

Vagenda Vixen

*A day in the life of the Vixen, a blog about EVERYTHING & ANYTHING: Life advice, Sex, Motivation, Poetry, Inspiration, Love, Rants, Humour, Issues, Relationships & Communication*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: